• Da domenica 29 novembre Lombardia in zona arancione
    Ecco cosa cambia
  • La presidente Credaro: «Forti preoccupazioni: con la stagione dello sci a rischio sarà un duro colpo per l'economia di tutta la Valle»
  • Natale illuminato per riaccendere la fiducia: il commercio è vivo, le nostre città non resteranno al buio
  • Comune di Tirano: rinnovato anche per il 2021 il bonus bebè comunale da spendere nei negozi
    Domande dei commercianti aderenti entro il 18 dicembre
  • A Sondrio i portamozziconi per una città più pulita
TUTTE LE INFORMAZIONI IN PRIMO PIANO »
Tutte le news >>
Consulta l'archivio o, per una ricerca più dettagliata, utilizza il 'filtro' che trovi qui sotto scegliendo una sola opzione (categoria, mandamento, tematiche) oppure utilizzandole tutte e tre per una ricerca più specifica.


Categoria


Mandamento


Tematiche


Servizi di ristorazione, rilevazione obbligatoria della temperatura: cosa fare in caso di mancanza di termoscanner


L'ordinanza 547 OBBLIGA gli esercizi della ristorazione a misurare la temperatura corporea a tutti i clienti. 

 

Cosa devono fare quindi bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizzerie?

 

CASO 1: se siete già in possesso di strumento di rilevazione della temperatura a distanza (termoscanner) naturalmente procedete, all'entrata, alla misurazione della temperatura a tutti i clienti, oltre che, come già previsto, a tutti i dipendenti e fornitori.


Purtroppo come sappiamo però gli strumenti per la rilevazione della temperatura corporea sono difficilmente reperibili sul mercato.

Se  dunque non siete in possesso di uno strumento di rilevazione della temperatura a distanza funzionante (termoscanner) perchè non trovato sul mercato: 


CASO 2: 


  • provvedete a prenotare lo strumento presso farmacie/esercizi di vendita di presidi sanitari inoltrando la prenotazione in modalità scritta (ad. esempio tramite mail);
  • in attesa dell'approvvigionamento è fortemente consigliato esporre il cartello che abbiamo preparato per voi ed esporlo all'ingresso dell'esercizio in un formato e posizione ben visibile. Tale cartello indica che possono entrare solo le persone che non hanno febbre e non presentano sintomi riconducibili al Covid-19. 

Sotto potete trovare un altro utile cartello indicante gli altri importanti comportamenti da tenere come mantenimento della distanza e utilizzo della mascherina.

Ricordiamo inoltre che, sempre per gli esercizi della ristorazione, è previsto quanto segue: 


▪ Per gli esercizi che non dispongono di posti a sedere, consentire l’ingresso ad un numero limitato di clienti per volta, in base alle caratteristiche dei singoli locali, in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti;

▪ Laddove possibile, privilegiare l’utilizzo degli spazi esterni (giardini, terrazze, plateatici), sempre nel rispetto del distanziamento di almeno 1 metro;

▪ I tavoli devono essere disposti in modo che le sedute garantiscano il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro di separazione tra i clienti, salvo i casi di accompagnamento di minori di sei anni o persone non autosufficienti; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. Tale distanza può essere ridotta solo ricorrendo a barriere fisiche tra i diversi tavoli adeguate a prevenire il contagio tramite droplet;

▪ La consumazione al banco è consentita solo se può essere assicurata la distanza interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti, salvo il caso di accompagnamento di minori di sei anni o persone non autosufficienti; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale;

▪ Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità;

▪ È necessario rendere disponibili prodotti igienizzanti per i clienti e per il personale anche in più punti del locale, in particolare all’entrata e in prossimità dei servizi igienici, che dovranno essere puliti più volte al giorno;

▪ Negli esercizi che dispongono di posti a sedere privilegiare l’accesso tramite prenotazione, mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato, per un periodo di 14 giorni. In tali attività non possono essere presenti all’interno del locale più clienti di quanti siano i posti a sedere;

▪ La consumazione a buffet non è consentita;

▪ Il personale di servizio a contatto con i clienti deve utilizzare la mascherina e deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche, prima di ogni servizio al tavolo;

 Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria;

▪ La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, possibilmente al tavolo;

 I clienti dovranno indossare la mascherina tutte le volte che non si è seduti al tavolo;
Al termine di ogni servizio al tavolo andranno previste tutte le consuete misure di disinfezione delle superfici, evitando il più possibile utensili e contenitori riutilizzabili se non igienizzati (saliere, oliere, ecc). Per i menù favorire la consultazione online sul proprio cellulare, o predisporre menù in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l’uso, oppure cartacei a perdere.

Camera di Commercio di Sondrio Provincia di Sondrio Enti Bilaterali della Provincia di Sondrio Valtellina Regione Lombardia
Copyright©2020 - Sondrio Servizi al Terziario S.r.l.
Socio unico Unione del Commercio del Turismo dei Servizi della Provincia di Sondrio
via del Vecchio Macello, 4/c - Sondrio | Pec: sondrioserviziterziario@legalmail.it
CCIAA Sondrio, C.F. e P.I. 00620410142 - R.E.A. 43882 - cap.soc. 92.962,00 i.v. | Privacy policy
Realizzato da Telnext
Area Riservata