• Ordinanza regionale in vigore dall'1 giugno e linee di indirizzo per le attività
  • Pubblicato il bando Safe Working - Io riapro sicuro. Domande da giovedì 28 maggio
  • Uno spazio di ascolto rivolto agli imprenditori associati
  • Le informazioni obbligatorie da esporre negli esercizi: i nostri cartelli
  • Servizi di ristorazione, rilevazione obbligatoria della temperatura: cosa fare in caso di mancanza di termoscanner
TUTTE LE INFORMAZIONI IN PRIMO PIANO »
Tutte le news >>
Consulta l'archivio o, per una ricerca più dettagliata, utilizza il 'filtro' che trovi qui sotto scegliendo una sola opzione (categoria, mandamento, tematiche) oppure utilizzandole tutte e tre per una ricerca più specifica.


Categoria


Mandamento


Tematiche


Vendita a distanza con consegna a domicilio: chiarimenti

24 aprile 2020 – Anche al fine di fare chiarezza riguardo a notizie che potrebbero generare confusione, l’Unione del Commercio e del Turismo interviene sul tema della vendita a distanza con consegna a domicilio.

Su ricorso presentato dalle associazioni sindacali dei lavoratori, il Tar Lombardia ha emesso il 22 aprile u.s. un decreto che sospende provvisoriamente l’ordinanza della Regione Lombardia n. 528 dell’11 aprile u.s. nella parte in cui consente agli operatori commerciali la consegna a domicilio di tutte le categorie di merci, ritenendo tale disposizione in contrasto con le normative emergenziali attualmente in vigore.

Al di là di ogni considerazione di natura giuridica, occorre evidenziare che il provvedimento del Tribunale è destinato a non produrre alcun effetto sul piano pratico, in quanto la vendita a distanza (per telefono, corrispondenza, online ecc.) con la consegna a domicilio di tutti i prodotti compresi anche quelli diversi dai beni alimentari o di prima necessità nel corso della fase dell’emergenza sanitaria rimane comunque consentita, come risulta dai chiarimenti che già da alcune settimane sono riportati sul sito ufficiale del Governo.

Pertanto, gli operatori commerciali che raccolgono gli ordinativi di merce sia per telefono che online potranno mantenere questa prassi nell’interesse dei cittadini, avendo cura di rispettare i requisiti previsti per il confezionamento e il trasporto delle merci e comunque le vigenti disposizioni sul distanziamento delle persone e sull’utilizzo dei sistemi individuali di protezione, a tutela dei lavoratori che provvedono alle consegne.

Rimane infine confermato che nel corso dell’emergenza sanitaria la consegna a domicilio non richiede alcun titolo di legittimazione aggiuntiva, quali SCIA o autorizzazioni particolari, in quanto considerata attività accessoria all’attività principale dell’operatore commerciale.

Camera di Commercio di Sondrio Provincia di Sondrio Enti Bilaterali della Provincia di Sondrio Valtellina Regione Lombardia
Copyright©2020 - Sondrio Servizi al Terziario S.r.l.
Socio unico Unione del Commercio del Turismo dei Servizi della Provincia di Sondrio
via del Vecchio Macello, 4/c - Sondrio | Pec: sondrioserviziterziario@legalmail.it
CCIAA Sondrio, C.F. e P.I. 00620410142 - R.E.A. 43882 - cap.soc. 92.962,00 i.v. | Privacy policy
Realizzato da Telnext
Area Riservata